Home   La Storia Gli amici del collegio Foto Gallerie Le attività Eventi Notizie flash Link

           Contatti

  Notizie Flash 2021                      Archivio Annate
06 Settembre 2021   Cuneo - Lettera da Stefano Bergesio

Cari amici,

stavolta sarò ancora più breve, solo per trasmettere il programma dell’incontro degli alunni del San Tomaso che abbiamo convocato per domenica 26 settembre, dopo un anno in cui ciò non è stato possibile a causa della pandemia. Abbiamo ritenuto che finalmente ci potessero essere le condizioni per rivederci, tutti vaccinati e nel rispetto delle indicazioni delle autorità sanitarie.

Non abbiamo fatto programmi per il sabato, né per il lunedì, con l’intesa che accoglieremo fraternamente gli amici che arriveranno da lontano e li accompagneremo durante tutto il loro soggiorno a Cuneo.

Domenica 26 ci vedremo alle 11 e la Messa sarà ancora, eccezionalmente, nella Cappella del San Tomaso, come mi ha confermato p. Cesare Giraudo: sarà una Messa a lume di candele, dal momento che è stato ormai disdetto il contratto con l’Enel per tutto l’edificio, e sarà davvero l’ultima Messa nella nostra Cappella.

Confermo anche il pranzo presso la Trattoria della Posta di Pradeboni, frazione di Peveragno, dove il “comitato cuneese” (Guido Basso, Franco Bognier, Giuseppe Giordano, p. Cesare Giraudo, Gabriele Giusta, Sergio Marro, Gabriele Somà, Giancarlo Tallone e il sottoscritto), è stato a cena venerdì scorso per concordare il menu, ricevendo un’ottima impressione dell’ambiente e della cucina. Nel pomeriggio chi volesse potrà fare una capatina alla vicina Certosa di Pesio, sempre suggestiva e ricca di storia.

Attendo nei prossimi giorni, e possibilmente entro mercoledì 22 settembre, la conferma della vostra presenza, con mail a questo indirizzo, o telefonicamente a me o a Giancarlo Tallone (347.1796740).

Un abbraccio e un arrivederci prestissimo!

                                                                                   Stefano Bergesio    

                                                                                   335.6875934

 

08 Agosto 2021   Cuneo - Lettera da Stefano Bergesio

Cari amici,

scrivo brevemente per confermare il raduno degli alunni del San Tomaso domenica 26 settembre, come avevo anticipato nella lettera di metà luglio. Se la situazione non peggiorerà in modo imprevedibile, se ci saremo tutti vaccinati e se rispetteremo le regole minime definite dalle autorità sanitarie, potremo di nuovo incontrarci in presenza dopo due lunghi anni.

L’incontro sarà sempre a Cuneo ma, purtroppo, non più nei locali dell’ex Collegio dai quali, come sapete, i padri gesuiti se ne sono andati ufficialmente a fine giugno. Ci troveremo invece, sempre alle 11, nella sede dell’associazione dei Tomasini, in via Bersezio, angolo via D’Azeglio (è l’area dove c’era, ai nostri tempi, il secondo campo da calcio) per la Messa celebrata da p. Cesare Giraudo (che eccezionalmente rimane a Cuneo) e, speriamo, dai padri Teresio Gianuzzi e Piero Granzino, e da tutti gli altri che vorranno venirci a trovare. Stiamo cercando il locale giusto anche per il pranzo e non è escluso che ci  facciamo ospitare da Nella Bergoglio, cugina di papa Francesco, che a Pradeboni di Peveragno gestisce la “Trattoria della Posta” visitata qualche tempo fa, mi pare di ricordare con grande soddisfazione, dal nostro Pietro Crivellaro.

Già si sono prenotati alcuni amici dalla Sardegna, dalla Puglia, da Roma, e spero siate tutti ancora in tempo a programmare le vostre vacanze tenendo conto anche di questo “impegno” che negli scorsi anni ha dato a tanti la possibilità di riabbracciarsi dopo decenni. Credo che anche stavolta ci saranno sorprese!

 Un abbraccio, e un augurio a tutti di buone vacanze!

                                                                                                           Stefano Bergesio

                                                                                                           335.6875934

18 Luglio 2021   Cuneo - Lettera da Stefano Bergesio

Cari amici,

da qualche mese non mi faccio vivo con questo mezzo della lettera in rete, tutta colpa di quell’altro strumento ancora più diabolico che è il gruppo whatsapp “gesuiti e dintorni”, attraverso il quale il contatto è immediato e personale (nel senso che tutti possono intervenire ed esprimere il proprio punto di vista, caratterizzandosi in un modo che, a volte, si presta poi per battute e prese in giro, ma anche questo fa parte dell’amicizia).

Il fatto è che a questa chat partecipano solo un centinaio di persone, sulle circa 230 che formano il gruppo più ampio di ex alunni della Scuola Apostolica con cui siamo in contatto. Per questo il mio consiglio, oltre a quello di vaccinarvi tutti al più presto se non l’avete ancora fatto, è di iscrivervi a “gesuiti e dintorni”: se avete un cellulare di recente generazione (smartphone) e se siete registrati su whatsapp, basta chiediate a me o a Gian Piero Liori (347.0816775) di aggiungervi al gruppo e in un secondo potrete prendere parte alle discussioni e, magari, scorrendo l’elenco dei partecipanti, ritrovare vecchi amici con cui mettervi in contatto personalmente.

Ora che il mio spot pubblicitario l’ho completato, vorrei aggiornare chi da novembre scorso non riceve notizie sulle novità del gruppo e del San Tomaso.

Purtroppo, la novità principale riguarda proprio il San Tomaso, quello che restava dell’edificio dove abbiamo frequentato medie e ginnasio e la comunità di gesuiti che ancora vi risiedeva, perché da giugno la residenza è formalmente chiusa e i locali, a quanto è dato sapere, sono in vendita.

Domenica 20 giugno è stata celebrata, nella grande cappella, l’ultima messa con la partecipazione del vescovo di Cuneo e del padre provinciale dei gesuiti, poi i pochi padri che vi risiedevano ancora sono stati trasferiti chi a Gallarate, chi a Roma e Napoli, e anche i padri più “giovani” hanno avuto un’altra destinazione.

Resta attivo il Centro giovanile e alcune opere sociali in collaborazione con la Caritas diocesana, e resta aperta la casa alpina di San Giacomo d’Entracque.

E’ stata una scelta sofferta ma obbligata, ha spiegato padre Del Riccio, per riorganizzare meglio le attività della Compagnia tenendo conto della carenza di vocazioni e del conseguente aumento dell’età media dei gesuiti.

Lo abbiamo sperimentato in questi mesi anche noi, con la perdita prima di padre Giustino Bethaz, 92 anni, morto per covid il 14 aprile, appena rientrato in Madagascar, e poi, dodici giorni dopo, di padre Gabriele Navone, vittima del covid anche lui che pure, a 84 anni, continuava a lavorare, a scrivere libri (editi poi da p. Bethaz) e a manifestare una vitalità incredibile.

L’avremmo aspettato l’estate del prossimo anno, con il solito intervallo triennale, e lo avremmo incontrato di nuovo, a Cambiano o, magari, ancora a Chieri a casa di Renato Tosco.

Invece a Cambiano siamo andati, domenica 9 maggio, per la messa in suo ricordo.

In Madagascar sono tornati in questi mesi padre Gianfranco Bergero, che era stato bloccato in Italia da febbraio dello scorso anno per la pandemia, e padre Elio Sciuchetti, rientrato a gennaio per ragioni di salute e ripartito giovedì scorso, dopo alcune difficoltà e voli annullati.

A febbraio avevamo girato sul suo conto malgascio 6000 euro (4700 direttamente dalla nostra banca e 1300 tramite l’onlus Reggio Terzo Mondo), somme raccolte fra di noi nelle feste natalizie come è ormai abitudine da qualche anno (ce l’aveva suggerito proprio Gabriele Navone) e come contiamo di riproporre anche per il prossimo Natale.

Come al solito li userà per integrare le rette scolastiche delle famiglie in difficoltà, e per la gestione delle scuole da lui create nella capitale malgascia. Dell’altro nostro compagno gesuita in Madagascar, padre Anselmo Muratore, abbiamo poche notizie.

E per chiudere il cerchio dei missionari, ricordo che padre Tonino Taliano, rientrato a febbraio 2020 dal Madagascar e inviato a settembre a Reggio Calabria, è tornato per una decina di giorni nella sua Montà, dove siamo stati a trovarlo giovedì 8 luglio.

Ora è rientrato in Calabria ma credo gli faccia piacere se chi lo conosce lo chiama ogni tanto (320.4408436) per distrarlo un po’ dalle sue fatiche pastorali (mi pare che, immediatamente, debba andare a predicare a Locri…).

Stiamo valutando se sia già tornato il tempo delle rimpatriate, perché a me e a tanti manca l’incontro di settembre che ti dava la carica per tutto l’anno, come mi sottolinea spesso al telefono il nostro amico Lorenzo Bertaggia da Novara.

Per quest’anno pensavamo di organizzare qualcosa di modesto, limitato alla domenica, con messa (potrebbe essere nella sede dell’Associazione giovanile, con padre Cesare Giraudo, o in qualche chiesa a cui siamo affettivamente legati, come il santuario degli Angeli o i Sacro Cuore) e il pranzo.

La riunione conviviale dovrebbe anche fungere da assemblea dell’Associazione “Alunni San Tomaso” costituita nel 2019, assemblea che lo scorso anno abbiamo convocato in modo solo virtuale.

Ovviamente, se qualche amico volesse volare dalla Sardegna, o da Roma, o da Monopoli, o dalla Toscana senza volo, saremo ben felici di accoglierlo e di organizzargli un soggiorno piacevole nella Cuneo 2021. Dimenticavo la data: potrebbe essere domenica 26, l’ultima domenica di settembre, per rispettare la tradizione.

Chiudo ricordando a tutti il sito del nostro gruppo, www.exalunnisantomasocuneo.org, creato e curato da Pier Mario Cotella, sul quale gli chiederò di postare nei prossimi giorni una serie di articoli dedicati dal settimanale cuneese La Guida alla storia del Collegio San Tomaso appena è uscita la notizia della sua chiusura.

Ma ci trovate anche tutti i numeri di “Ragazzi Così”, la rivistina inventata da padre Arione che, due volte l’anno, faceva la cronaca della Scuola Apostolica, trovate foto, filmati e cronache riguardanti i nostri incontri annuali (che si avvicinano ormai alla celebrazione dei vent’anni) e trovate, soprattutto, un archivio di foto della nostra giovinezza a Cuneo sessant’anni fa.

Per  ragioni di privacy sul sito non abbiamo pubblicato l’elenco delle persone con cui siamo in contatto ma chi volesse avere informazioni su chi c’è nel gruppo dei suoi ex compagni di classe può tranquillamente telefonarmi.

Un abbraccio e arrivederci presto.

Stefano Bergesio

   335.6875934

 

 

 

 
 
 
        Home La Storia Gli amici del collegio Foto Gallerie Le attività Eventi Notizie flash Link Contatti